Frequently Asked Questions


LA MUSICA CHE NASCE NELLE CANTINE DOMANDE:


01 - Perchè questa pagina?
02 - MP3: questo sconosciuto....
03 - Come posso aggiungere e/o togliere un componente al mio gruppo?
04 - E se il mio gruppo volesse cambiare nome?
05 - Come scegliere l'encoder migliore.
06 - Ripper e lettori CD-ROM.
07 - Come faccio a creare un file MP3 se non riesco ad usare i ripper?
08 - Regolare il volume di registrazione.
09 - Frequenza di campionamento: passaggio da analogico a digitale.
10 - E' possibile trasformare un MP3 in un file WAV?
11 - E' possibile convertire gli MP3 in CD Audio?
12 - Posso comprimere una traccia audio in MP3 direttamente dal CD?
13 - Ho estratto la traccia audio dal CD, ma è praticamente inascoltabile: è piena di rumori che sembrano dei click o dei pop. Perché?


Se hai delle domande che reputi possano interessare o comunque vuoi aggiungere e/o criticare alcuni punti delle FAQ, non devi far altro che scriverci. Ogni tuo intervento è sempre ben accetto.



1 - Perchè questa pagina?

    L'idea di creare una pagina con le domande più comuni che ci sono state poste vuole essere l'occasione per rispondere a tutti, anche a chi non possiede un indirizzo e-mail e ci ha scritto tramite il modulo Commenti e Suggerimenti, ma anche un punto di riferimento per risolvere quelli che possono essere i problemi e/o le questioni comuni di tutti. Vi invitiamo pertanto, se volete completare o criticare le FAQ di questa pagina, a scriverci.


Torna su


2 - MP3: questo sconosciuto....

    Il formato Mp3 (MPEG1-Layer3) viene creato da appositi decoder sfruttando vari meccanismi in parte matematici (tipo quelli dello zip che sfruttano la ridondanza informativa dei dati), in parte fisici (vengono eliminate le frequenze non udibili dall'orecchio o quelle che sarebbero coperte da altri suoni più intensi presenti in quel momento).

Torna su


3 - Come posso aggiungere e/o togliere un componente al mio gruppo?


Torna su


4 - E se il mio gruppo volesse cambiare nome?


Torna su


5 - Come scegliere l'encoder migliore.

    Innanzitutto va detto che non esiste un encoder migliore in assoluto, e allora quale usare? Per quello che abbiamo provato noi, questi sono i consigli che ti possiamo dare: gli encoder si possono classificare per la loro velocità e per la qualità audio del MP3 prodotto; ovviamente aumentare la velocità significa diminuire la qualità. Noi preferiamo gli encoder più lenti (ad es. Mpeg Encoder), anche se ultimamente encoder veloci (quale Xing-Mpeg) danno risultati veramente buoni, ed esaminando quelli più usati stiliamo questa nostra classifica a parità di bit-rate:
    - Xing-Mpeg
    - Mpeg Encoder
    - Mp3 Compressor / L3 Enc
    Va ancora detto che con file musicali di 6 minuti e più, Xing-Mpeg e Mp3 Compressor sono i migliori (a livello di qualità audio) con un bit-rate di 128.000, mentre usando bit-rate superiori (ad es. 160.000) sono da preferire Xing-Mpeg e Mpeg Encoder. In definitiva Xing-Mpeg è molto buono con bit-rate da 128.000 in sù qualsiasi sia la durata del brano. Se scendiamo a bit-rate di 64.000 o inferiori è decisamente consigliato L3 Enc. Comunque per riuscire a sentire le differenze tra i vari encoder abbiamo dovuto ricorrere alle cuffie collegate all'uscita dello stereo (impossibile rendersene conto con le casse del computer).

Torna su


6 - Ripper e lettori CD-ROM.

    Sono molti i programmi ripper-grabber che puoi reperire in rete; i più famosi comunque sono il WinDac, il CD Copy e AudioCatalyst. Entrambi i programmi sono shareware con praticamente tutte le funzioni abilitate e perfettamente funzionanti. Si possono però riscontrare dei problemi che non dipendono dal software, ma dal tuo lettore CD Rom. Spesso infatti insieme a questi programmi è allegato un file di documentazione (leggimi.txt, readme.txt, leggimi.doc,....) con l'elenco dei lettori compatibili. Se il tuo lettore non è incluso nell'elenco puoi comunque provare ad utilizzare il programma. Problemi classici sono:
    - il lettore non è compatibile con le tracce AudioData e quindi non supporta l'estrazione audio digitale (DAE).
    - creazione di file Wave vuoti (di dimensione 0kb).
    - creazione di file Wave con solo silenzio (anche di grandi dimensioni).
    - la traccia viene copiata ma ascoltandola si sentono degli 'schiocchi'.
    Se si verifica uno di questi casi il consiglio è di non usare i ripper o di cambiare il tuo CD Rom: a te la scelta!

Torna su


7 - Come faccio a creare un file MP3 se non riesco ad usare i ripper?


Torna su


8 - Regolare il volume di registrazione.

Torna su


9 - Frequenza di campionamento: passaggio da analogico a digitale.

    Spesso quando si creano file audio ci si imbatte in termini quali frequenza di campionamento. Ma cosa vuol dire? Il segnale audio è, per sua natura, di tipo analogico. Quando si vuole salvare sul proprio hard-disk una canzone bisogna passare dal mondo analogico a quello digitale. In poche parole bisogna discretizzare l'asse dei tempi e cioè prendere un certo numero di campioni. La determinazione di questo numero è legato alla teoria dei segnali e in particolare al teorema di Nyquist che afferma che per ricostruire un segnale sinusoidale periodico di periodo T sono necessari almeno 2 campioni per periodo. Ovviamente un segnale audio è tutto tranne che periodico; lo si può però considerare come la somma di infinite armoniche ognuna con periodo Ti diverso dalle altre. Ritornando al discorso sulla frequenza di campionamento, in relazione al fatto che l'orecchio umano si comporta sostanzialmente come un filtro passa-basso (con frequenza di taglio intorno ai 20 kHz) possiamo considerare il segnale audio come un segnale di banda 20 kHz (non ci interessano i contributi a frequenze fuori da questo intervallo). Per fare il passaggio da analogico a digitale ci mettiamo dalla parte della ragione sovra-campionando (in modo da avere più campioni del minimo richiesto). Per qualità cd-audio la frequenza di campionamento è di 44.100 Hz ovvero 1 campione ogni 23 ms circa, per qualità radiofonica si utilizza una frequenza di campionamento di 22.050 Hz (un campione ogni 45 ms circa), per qualità telefonica 11.025 Hz (un campione ogni 90 ms circa). Cosa comporta scegliere tra le diverse soluzioni? Fondamentalmente 2 cose:
    1) FEDELTA': più campioni si prendono e più è possibile ricostruire fedelmente il segnale audio di partenza.
    2) DIMENSIONE: più campioni comportano una maggiore dimensione del file finale.
    Va infine ricordato che il passaggio al mondo digitale ha l'enorme vantaggio di migliorare i diturbi dovuti al rumore e di permettere una copia fedele dei file audio, cosa assai difficile con le normali cassette audio.

Torna su


10 - E' possibile trasformare un MP3 in un file WAV?
    Certo che è possibile: basta usare un qualsiasi decoder, puoi trovarlo anche nel nostro Archivio software. Se usi il Winamp puoi farlo velocemente seguendo quanto sotto riportato:
    1) Carica il Winamp.
    2) Seleziona il menù Options --> Preference --> Audio I/O.
    3) Nel campo Output Plug-Ins seleziona la voce 'Nullsoft Disk Writer Plug-In [OUT_DISK.DLL]'.
    4) Seleziona la canzone che vuoi trasformare.
    5) Premi Play e scegli in che directory vuoi salvare il file (non sentirai niente e dovresti vedere i secondi aumentare velocemente).
    6) Appena finito hai il file WAV sul tuo hard-disk.

Torna su


11 - E' possibile convertire gli MP3 in CD Audio?
    E' necessario convertire prima il file MP3 in WAV. Per essere poi scritto su CD come traccia audio è necessario che il file sia a 44KHz, Stereo, 16bit. Una volta ottenuto il file WAV basta usare un programma di scrittura per CD, come Easy CD Creator, Nero o CDRWin. Il WAV ottenuto da un file MP3 non è uguale al WAV prima della codifica, è della stessa qualità di un MP3. La codifica è di tipo a perdita di informazione (lossy), dunque ciò che l'encoder scarta nella compressione non può essere ricostruito con la decodifica.

Torna su


12 - Posso comprimere una traccia audio in MP3 direttamente dal CD?
    Sì, ci sono software che permettono di estrarre le tracce audio da cd direttamente in formato MP3 oltre che in formato WAV. Una volta settate le preferenze sulla modalità di conversione questi grabber possono appoggiarsi a codec interni od esterni per effettuare la compressione. Avendo a disposizione più codec si può scegliere quello con cui codificare. Fanno parte di questa categoria Windac, Audiograbber (necessita di codec), Cd-Copy e Audiocataliyst dotato del nuovo codec Xing che permette anche la codifica a bitrate variabile. Usando questi software puoi codificare tutto un cd in modo automatico senza attuare più processi intermedi. Nel processo automatico CD --> MP3 si può scegliere se usare un WAV intermedio oppure no. Nel primo caso il grabber trasferirà la traccia audio sull'Hard-disk in formato WAV e automaticamente la convertirà in MP3 cancellando, una volta finito l'encoding, il WAV e iniziando il processo con la traccia successiva. Nel secondo caso il grabber non scriverà il WAV intermedio ma grabberà direttamente in formato MP3 bufferizzando solamente la traccia e comprimendola mentre il cd-rom estrae. Se vuoi normalizzare la traccia audio devi obbligatoriamente usare il metodo con il WAV intermedio mentre se non ti interessa la normalizzazione e disponi di un computer abbastanza recente e di sufficiente ram puoi usare il metodo senza WAV intermedio. Dato che passare da cd a MP3 senza WAV intermedio non comporta nessun vantaggio, anzi sollecita ancor di più la meccanica del cd-rom e comporta spesso errori di grabbing, si consiglia di non adottare questo metodo ma usare il WAV intermedio.

Torna su


13 - Ho estratto la traccia audio dal CD, ma è praticamente inascoltabile: è piena di rumori che sembrano dei click o dei pop. Perché?

Torna su













Ritorna alla pagina precedente Ritorna alla Home Page