The Rootscall
Titolo: Demo
Produttore: Autoproduzione
Anno: 2005

Chi scrive non è una grande amante del reaggae, se si esclude qualche episodico ascolto dei bravissimi Africa Unite.
Pur partendo da questa premessa, quella in cui mi trovo sembra, tuttavia, la condizione migliore per ascoltare senza troppi pregiudizi un disco di reggae italiano. E infatti il reggae dei Rootscall è davvero piacevole. Il cantante ha una voce che a tratti ricorda quella di "The King" Giuliano Palma e bene si accompagna alle sonorità intessute dal resto della band, composta di ben 9 elementi, se si considera anche la new entry di Sista Ruby, la cui voce il demo, purtroppo, non ci da modo di apprezzare.
La sezione dei fiati (sax e trombone) è molto gradevole e ben miscelata con il basso, la chitarra e la batteria, e lo stesso può dirsi per le tastiere, che entrano in gioco solo quando occorre.
Il tutto sembra muoversi in perfetto equilibrio, riuscendo a rafforzare la buona alchimia sonora raggiunta dalla band.
Le tre tracce del demo scivolano bene sul lettore ed il loro ascolto risulta davvero piacevole, grazie anche ad una sapiente e per niente banale scrittura dei testi.
Resta soltanto la curiosità di vedere Sista Ruby al lavoro.


Canzoni:
-
[mj]